Come vendere di più e pagare di meno: migliora la User Experience del tuo e-commerce

come vendere di più

Come vendere di più.. quante volte ti sarai posto questa domanda?

Evan Williams, co-fondatore di Twitter, ha detto una volta, UX è tutto ma viene sottovalutata.

L’User Experience negli E-Commerce non è diversa. I negozi online riversano migliaia di euro negli annunci su Facebook, nella ricerca del prodotto, nel design. Eppure l’UX è sottovalutata e sottoinvestita.

E questo è un grosso problema.

In primo luogo, che cosa è l’User Experience e perché dovrebbe interessarti?

L’User Experience (UX) è l’esperienza complessiva di una persona che visita il tuo negozio, dall’inizio alla fine. In genere, UX si misura in base a quanto sia facile e divertente per il visitatore navigare nel tuo negozio, trovare ciò che sta cercando e fare un acquisto.

Quando si pensa all’UX, scommetto che la prima cosa che viene in mente è il design.

È importante ricordare che l’UX è molto di più del design, per esempio..

– il sito carica rapidamente?
– il sito è facile da navigare?
– il sito è facile e piacevole sui dispositivi mobile?
– è semplice, preciso e chiaro?
– le icone sono facili da decifrare?
– sono stati rimossi passaggi inutili?

L’elenco potrebbe andare avanti all’infinito. Ci sono così tanti elementi che determinano quanto sia facile e piacevole la navigazione da parte dell’utente.

Karl Gilis di AGConsult spiega..

La maggior parte delle persone pensa che l’UX ha solo a che fare con il design. Credo che l’UX è molto più di questo, è l’esperienza che l’utente ha quando visita il tuo sito web. Ciò significa che ogni aspetto del tuo sito web e quello che hai da offrire, influenzerà l’esperienza dell’utente.

Ciò rende chiaro il motivo per cui devi curare il tuo sito web: una brutta esperienza si tradurrà molto probabilmente nell’abbandono del sito web da parte dell’utente. E non soltanto uscirà, ma abbandonerà la navigazione con un sentimento negativo nei confronti della tua marca.

Devo ammettere però che mi è molto piaciuto il termine “UX”! In parte perché anche quando ho una pessima esperienza, ho ancora un esperienza utente. Ma soprattutto perché la maggior parte dei progettisti si concentrano sulla parola “esperienza”, e questa parola sembra innescare la loro personalità artistica e creativa. Dimenticando così “l’user”.

Perché tutti questo problemi? Perché i clienti hanno opzioni, un sacco di opzioni!

eMarketer stima che le vendite al dettaglio e-commerce supereranno i 4 trilioni di dollari nel 2020, che costituiscono circa il 14,6% del totale della spesa al dettaglio annua.

Con così tante altre opzioni, se il vostro UX è frustrante o semplicemente male costruito, gli acquirenti non esiteranno ad andare altrove.

Non sottovalutare quanto gli acquirenti sono disposti ad andare altrove se la UX è scadente. Il 57% degli acquirenti solitamente abbandonano i carrelli dei negozi, indipendentemente dalla qualità della vostra UX.

Come Talia Wolf di GetUplift.co spiega, UX, infine, “mette i clienti indietro nel posto di guida …”

UX è tutto ciò che la vecchia scuola grafica e interfaccia utente non lo è. Deve essere orientata al cliente, con l’obiettivo di aiutare i clienti a raggiungere i loro obiettivi. L’altro aspetto poi sarà quello di focalizzarci sulla ricerca del bello.

UX è costruita sulla ricerca e convalida. Ancora più importante, mette l’utente a fuoco.

Mentre il design dell’interfaccia utente è la messa a fuoco su quello che sembra bello in una pagina e nel marchio, UX si concentra su una migliore comprensione e come aiutare il cliente a soddisfare tali obiettivi. L’intero scopo dell’UX è quello di fare in modo che l’esperienza del prodotto e dell’utente stiano producendo i risultati che i tuoi clienti hanno bisogno.

4 Linee guida UX-ecommerce da tenere a mente

1. Priorità al funzionamento

Hai familiarità con alcune di queste tendenze del design?

  • Parallax scrolling.  (Elementi in primo piano che scorrono più rapidamente degli elementi sullo sfondo.)
  • cursori automatici per le immagini.
  • Pulsanti fantasma.  (Pulsanti trasparenti.)
  • Sfondi video.

Questi tipi di tendenze tendono a decollare in fretta perché vengano considerate “belle”. Il problema è che non sempre funzionano bene, a seconda della qualità della realizzazione.

  • parallax scrolling è spesso implementata inutilmente e male.
  • i cursori immagine automatici distraggano, sono lenti da caricare ed è dimostrato che hanno uno scarso rendimento.
  • i pulsanti fantasma vivono fino al loro nome, spesso appaiono cliccabili e vengano trascurati.
  • gli sfondi video distraggano l’attenzione e sono di lento caricamento.

Come spiega Karl, non si tratta di come il negozio sembra, ma di come funziona …

Naturalmente il design è importante. Ma deve essere funzionale. Non si tratta di essere di fantasia.

Guarda Google, AirBnB o Amazon. Tali siti non sono i più creativi quando si tratta di design. Ma sono probabilmente un po’ più popolari del tuo sito web.

Sai perché? Perché sono molto funzionali e non distraggano l’attenzione visiva.

Ed è quello che UX deve fare. Il design non è l’aggiunta di elementi. Si tratta di mantenere solo quegli elementi che si aggiungono alla linea di fondo. Rimuovere la roba soffice.

Ogni elemento nella tua pagina deve supportare il visitatore a raggiungere il suo obiettivo.

A proposito: questo è necessario rendersene conto prima. Le persone visitano il tuo sito web o pagina di destinazione o sulla pagina del prodotto o articolo di blog con una ragione. Non perché non hanno nient’altro da fare.

Il tuo disegno dovrebbe concentrarsi su questi obiettivi!

Death Wish caff, per esempio, dà priorità al suo prodotto mettendolo al centro e quindi anche sulla homepage …

… non è una distrazione o “nice-to-have” in vista. Ogni elemento del sito è completamente focalizzato su un unico obiettivo: vendere più caffè.

2. La copia cliente-centralità dovrebbe sempre portare il design.

Scrivi prima una copia del tuo sito e successivamente progetta (o trova) un tema che riesca ad integrare perfettamente la copia.

Questo perché? Perché il design dovrebbe sostenere e rafforzare la copia, non il contrario. Dopo tutto, nessuno compra una t-shirt perché il sito sembra piacevole. La comprano perché la copia li ha convinti.

Karl spiega in modo più approfondito …

Penso che questo sia uno dei più grandi errori. A partire con la progettazione. Senza sapere quale sarà il contenuto.

È la tua proposta di valore e il contenuto che convincerà i tuoi clienti. Quindi devi iniziare con quello.

Non basta comprare un tema e poi cercare di inserire il contenuto in questo!

In primo luogo devi scoprire quali sono le esigenze dei tuoi visitatori. Quindi creare i contenuti (testi, immagini, ecc), poi fare il tuo design. In questo modo si è sicuri che tutto si adatti e il tuo design migliorerà il tuo contenuto. La forma segue la funzione.

Durante la scrittura della copia dell’e-commerce, non dimenticare di concentrarti sul cliente. Ciò significa fare ricerche sul copywriting inerente al tuo settore, capire il pubblico, capire come essi sperimentano il tuo sito, il modo in cui dai valore ai tuoi prodotti, come vengano descritti i tuoi prodotti, etc.

Chubbies è un perfetto esempio di customer-centric, “la copia” che aggiunge l’esperienza del cliente.

chubbies

Controlla lo striscione “Omaggio” e la descrizione del prodotto. Questo significa stare dalla parte del cliente.

Karl spiega perché questo è importante e continuerà ad essere il nostro modo di vivere i siti di ecommerce in futuro …

“So che la maggior parte della gente non pensa che questo sia parte di UX. Ma è il nucleo di UX.

Inizia sempre dalla parte dell’utente. Quali sono le sue esigenze, perché si compra il tuo prodotto o servizio, perché lo comprano da te, di che cosa hanno paura, come fa il tuo prodotto o servizio a rendono la loro vita migliore?

La maggior parte delle aziende di successo iniziano dal loro punto di vista. E vogliono mettersi in mostra con le caratteristiche che pensano siano importanti.

3. Una navigazione intuitiva per promuovere la reperibilità

Secondo Merriam-Webster , la definizione di intuitivo è: “facilmente imparabile o capibile”. Quando un visitatore può fare quello che vuole sul tuo sito senza molto sforzo o interruzione, allora il sito è intuitivo. Sembra semplice, ma pochi siti sono intuitivi.

Quando un sito (o anche solo un piccolo elemento di un sito) non è intuitivo, UX soffre. Questo è particolarmente vero nel commercio elettronico a causa della navigazione.

La navigazione, naturalmente, è di vitale importanza per aiutare i visitatori a trovare i prodotti che stanno cercando o potrebbero voler acquistare. Se questo processo di reperibilità non è intuitivo, i visitatori potranno lasciare in cerca di una  navigazione maggiormente user-friendly.

Nel progettare la tua navigazione, devi tenere a mente …

  • Il card sorting può aiutare a capire meglio come i visitatori si aspettano di trovare i prodotti e le pagine.
  • Usa parole familiari per l’etichettatura. Non far pensare troppo l’utente.
  • Utilizza il prototipo di “design e-commerce”. Per esempio i visitatori si aspettano il carrello in alto a destra. Mantieni le cose familiari.
  • Va bene avere una sottocategoria in due categorie. Per esempio, qualcuno lo shopping per unità di supporto potrebbe desiderare di trovare la categoria “TV & Media” in “Living Room” e “Storage”.
  • Includere sempre l’opzione di ricerca per coloro che sanno esattamente quello che vogliono.
  • Se si utilizzano le icone, assicurarsi che siano etichette familiari e di uso comune.
  • Assicurati che sia facile da toccare link di navigazione su dispositivi mobili. Spesso, questi collegamenti sono troppo piccoli per toccare.
  • Se si dispone di una vasta gamma di prodotti, si dovrà utilizzare un mega menu . Utilizza categorie e sottocategorie cliccabile. Inoltre, quelle pagine di destinazione di categoria saranno un bene per la SEO
  • Utilizza il breadcrumbs.
  • Mantieni la navigazione coerente. Standardizza il processo e il design.

Sivana segue queste linee guida di navigazione …

Ogni elemento della navigazione si comporta come previsto, le sottocategorie sono cliccabili, i prodotti sono ordinati in modo significativo (oltre alla possibilità di ordinarli per prezzo), etc.

Quando si fa clic attraverso una sottocategoria, la navigazione intuitiva continua …

Tutti i tipi di “Tops” sono visibili (prevedibilmente) lungo il lato sinistro. Ci sono anche “Ordina per” e “filtro”, opzioni per aiutare i visitatori a trovare la parte superiore che stanno cercando; molto importante Il catalogo prodotto di grandi dimensioni.

4.UX su mobile-commerce è diverso e deve essere trattato come tale

Finora, abbiamo parlato della UX di un ecommerce lato desktop. Cosa succede quando i visitatori arrivano sul tuo sito da un dispositivo mobile?

Solo perché si ha un buona UX da desktop non significa che hai una buona UX da mobile. Mobile è una “bestia” completamente diversa. Il contesto cambia, le intenzioni cambiano, le motivazioni cambiano.

Secondo Baymard, la UX mobile è qualcosa che i siti di ecommerce sono ancora alle prese. Il 78% dei siti di e-commerce mobile hanno uno scarso rendimento della UX da mobile.

Un paio di cose da tenere a mente quando si parla di UX di un ecommerce lato mobile …

  • Rendere l’esperienza naturaleIl 40% dei siti di ecommerce mobile non consentono l’ingrandimento delle immagini prodotto tramite il pizzico tradizionale cellulare o doppio tap.
  • Evidenzia le caratteristiche importantiL’80% del checkout da mobile  offrono la possibilità agli utenti di fare un “Guest Checkout”, ma l’88% rendono l’opzione difficile da comprendere.
  • Disabilita la correzione automatica della cassa. C’è qualcosa di più frustrante che digitare il proprio indirizzo per tre volte sul tuo iPhone?
  • Il 61% di tutti gli utenti di telefonia mobile “a volte” o “sempre” completano sul desktop del loro computer/notebook i loro ordini di telefonia mobile. Assicurati che essi possono salvare i loro carrelli.
  • Consenti ai visitatori di cercare specificatamente all’interno della categoria o sottocategoria che stanno visualizzando.
  • Semplifica, semplifica, semplifica. Se è possibile riduci il numero di passaggi necessari per eseguire un’azione.
  • Presta particolare attenzione alla garanzia della qualità e al cross-device/cross-browser test su cellulare. La vostra UX soddisfare le aspettative di tutti i browser su tutti i dispositivi mobili?
  • La velocità è più importante che mai in quanto gli utenti di telefonia mobile sono particolarmente distratti e impazienti. Assicurati che le pagine si caricano rapidamente.
  • Consenti ai clienti di risparmiare tempo riducendo la quantità di informazioni necessarie da compilare sul cellulare.

Il negozio di Epic Meal Time è un grande esempio UX di un ecommerce lato mobile. In primo luogo, si ha la possibilità di acquistare tramite PayPal …

Poi viene mostrata la corretta tastiera per digitare il numero di telefono e la possibilità di salvare le informazioni per la prossima volta …

Quando è il momento di pagare, viene visualizzata la tastiera corretta (compresa la possibilità di eseguire la scansione della carta di credito) …

Tenete a mente che la UX lato desktop e la UX lato mobile sono diverse, come sono diverse la UX iPhone e la UX Android. Mettiti sempre nei panni del visitatore.

Come individuare i problemi di UX sul tuo sito

Ogni sito e-commerce è diverso, il che significa che ogni sito e-commerce ha diversi problemi di UX. Come è possibile individuare i problemi sul tuo sito?

Come spiega Karl, è tutta una questione di ricerca …

Fare una ricerca dell’utente. Questo può essere costoso e si, ma ci sono alcuni buoni strumenti disponibili che possono aiutare. Essi non risolveranno i problemi, ma ti aiuteranno a individuare i problemi.

In primo luogo, definire i punti drop-off. Dove i visitatori escano dal funnel? Sono distratti da qualche elemento presente nella pagina del prodotto? Scappano quando vedono i prezzi di spedizione? O forse quando hanno un carrello pieno?

Come ha detto Karl, ci sono una serie di metodi di ricerca a basso costo di cui è possibile usufruire …

Qui ci sono alcuni strumenti che è possibile utilizzare per questo processo …

Ricorda, come ha detto Karl, gli strumenti possono aiutare a trovare dei problemi, ma non sempre saltare fuori ai tuoi occhi. Devi sempre sapere cosa cercare!

Come risolvere i problemi UX sul tuo sito

Gli strumenti possono aiutare a identificare i problemi, ma di certo non possono aiutare a risolverli. Dipende da te! Fortunatamente, sei già sulla buona strada per essere in grado di risolvere i tuoi problemi UX-ecommerce.

  1. Dai priorità ai problemi di UX in base all’impatto previsto e alla facilità d’uso.
  2. Usa il tuo buon senso. Come è possibile migliorare l’esperienza?

Metà della battaglia della UX è la consapevolezza e l’educazione. Sapere cosa cercare, mettere il tuo ego da parte, mettere quello che sembra piacevole da parte.

Georgiana Laudi , digital strategist specializzata in ottimizzazione e inbound marketing, dice che …

La cosa migliore e pensare ogni giorno di collegare l’UX del cliente con la tua azienda, sia che si tratti di una scheda prodotto, che vendere o la carta del packagin. I tuoi concorrenti certamente lo faranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *